Menopausa: come riequilibrare i ritmi ormonali

28/11/2018
da Farmacia Basso

Cosa succede quando c'è la menopausa?


la menopausa rappresenta un periodo fondamentale per la donna e può essere anche definito come la fine del momento fertile della donna, di conseguenza ci sono anche determinati avvenimenti importanti della vita che portano ad affrontare il problema in modo non molto leggero.

Il fenomeno è di tipo fisiologico causato principalmente dallo sbilanciamento ormonale femminile, sull'alternanza degli estrogeni e protesici. Sono ormoni che rassicurano l'affluenza regolare del ciclo.

Con l'aumento dell'età si ha una diminuzione del funzionamento degli ormoni. Proprio per questo motivo è importante trattare i sintomi ormonali in tempo, per poi poterli curare.


I sintomi


I sintomi sono in primis l'irregolarità del ciclo e che inizia a diminuire fino a scomparire completamente.

Di conseguenza gli ultimi periodi i cicli possono essere dolorosi e variabili, con una variazione anche nella durata. Ci saranno differenti sbalzi ormonali ed indebolimento dei cicli ovarici come le vampate di calore, sudorazione, palpitazioni, astemia, ansia, irritabilità ed insonnia.

La donna durante questo periodo diventa anche molto più nervosa e suscettibile del solito.

I disturbi si presentano anche nel tratto urogenitale come prurito, secchezza, bruciore e dolore durante i rapporti.

Anche la pelle cambierà e diventerà più secca e meno elastica rispetto ad una volta, quindi ci sarà un invecchiamento più precoce con comparsa di rughe.

Tutti questi disturbi citati sono causati dalla cessazione del funzionamento ormonale.


Piante curative per la menopausa


- "Kudzu": è una pianta che in genere viene utilizzata nella medicina cinese. Per le sue proprietà migliora la menopausa che contribuisce a migliorare la mineralizzazione delle ossa e la "ricostruzione" dei tessuti.

Inoltre, ha un effetto protettivo per la microcircolazione, riducendo la "pressione sanguigna" e regolando le "palpitazioni".

- "Verbena": in genere questa tipologia di pianta viene utilizzata per ridurre lo stress e l'ansia. Agisce sul sistema nervoso endocrino ed ormonale grazie alla sua funzione che riequilibra gli ormoni.

- "Trifoglio rosso": è una pianta ricca di "isoflavoni". Per chi non lo sapesse gli isoflavoni sono simili agli ormoni femminili, proprio per questo motivo possono portare innumerevoli benefici alle donne in menopausa.

- "Diosconea": pianta di origine dell'America Centrale, viene ottenuto l'estratto che non è altro un "precursore" del progesterone. Quest'ultimo è molto simile all'ormone umano e non provoca effetti indesiderati dopo l'assunzione. Grazie al progesterone aiuta a migliorare i tessuti, diminuisce le vampate di calore, migliora notevolmente sia la pelle che le mucose, diminuisce l'invecchiamento della pelle.

- "Angelica Sinesis": anche questa pianta è utilizzata nella medicina cinese. Viene utilizzata principalmente per il trattamento dei disturbi ginecologici. Il suo effetto è quello di migliorare lo squilibrio ormonale. Le sue funzioni sono quelle di diminuire i sintomi della menopausa, diminuire gli sbalzi di pressione, emicrania e le contrazioni uterine. Ma è anche utile per diminuire gli spasmi muscolari, l'insonnia e la mancanza di energia.


Consigli


In menopausa è facile prendere facilmente peso, proprio per questo motivo bisogna ridurre l'utilizzo dei carboidrati. Se per un mese ridurrai l'utilizzo dei derivati del grano vedrai un notevole miglioramento nel corpo. Ti sentirai più energica e ci sarà un equilibrio del tuo corpo.

Prenditi un pò di sole, la vitamina D è importante per le ossa.

"Fai sport, muoviti, balla. Mantieniti attiva, il tuo corpo ti ringrazierà".

Commenti

Nessun messaggio trovato

Nuovo messaggio