Fitoterapia o omeopatia: le differenze

25/01/2017
da Farmacia Basso

Fitoterapia o omeopatia: le differenze

La fitoterapia e l'omeopatia vengono spesso confusi e pochi sanno la differenza tra l'una e l'altra. In quest'articolo vorremmo aiutarvi a fare chiarezza e a capire cosa sono e quali sono i benefici della fitoterapia e dell'omeopatia.

Cos'è la fitoterapia?
Viene detta fitoterapia quella pratica che prevede l'utilizzo di piante o di estratti medicinali per la cura di malattie o per il mantenimento dello stato di benessere. Possiamo considerare la fitoterapia come la più antica forma di medicina. La maggior parte delle piante medicinali sono dotate di principi attivi, mentre la restante parte di esse, considerate secondarie, servono a produrre altre sostanze comunemente chiamate inerti. I principi attivi e quelli inerti formano un fitocomplesso. Il fitocomplesso può avere diverse proprietà terapeutiche ed è il principale responsabile della tollerabilità di questo rimedio. La fitoterapia è, quindi, una forma di farmacologia in cui uno o più principi attivi vengono mixati ad altre molecole.

I benefici della fitoterapia.
Grazie alla vasta quantità di piante medicinali presenti, alle diverse indicazioni terapeutiche, il basso rischio di tossicità ed assuefazione, la fitoterapia risulta essere molto vantaggiosa. La terapia fitoterapeutica può sostituire la medicina tradizionale o essere integrata ad essa. In Europa, di solito, la fitoterapia viene utilizza per curare disturbi meno gravi come: tosse, raffreddore, mal di testa, disturbi gastrici e sintomi influenzali.
Al contrario di quello che spesso si pensa; ovvero che la fitoterapia essendo naturale non ha effetti collaterali; gli effetti collaterali ci sono eccome, quindi, sarebbe meglio sempre farsi consigliare da persone qualificate e non cimentarsi in rimedi fai da te.
La fitoterapia può essere utilizzata per curare per curare diverse malattie o per prevenirle. Questa terapia risulta essere molto efficace per i bambini che hanno, magari, avuto un insuccesso con i farmaci tradizionali.
In Europa la fitoterapia è molto apprezzata, ma le leggi che regolamentano questa terapia sono diverse da paese a paese. In Italia, fatta eccezione per alcuni farmaci, la fitomedicine sono sottoforma di integratori alimentari.

Cos'è l'omeopatia?
Per quanto riguarda l'omeopatia si fa spesso confusione, associando tutto quello che è naturale all'omeopatia. L'omeopatia si basa su tre principi fondamentali: il principio di similitudine, le diluizioni infinitesimali, le caratteristiche della persona.
- Il principio di similitudine: l'omeopatica cura le malattie o i sui sintomi con una dosa infinitesimale della sostanza che provoca la malattia stessa. Per esempio: una puntura di ape viene curata con degli estratti di veleno d'ape.
- Le diluizioni infinitesimali: diverse sostanze vengono diluite fino a quantità infinitesimale e sottoposte a scuotimento. Maggiore è il numero di scuotimenti, maggiore sarà la potenza del rimedio omeopatico.
- Le caratteristiche della persona: ogni individuo è diverso nell'aspetto, nel comportamento ecc. Perciò ogni rimedio omeopatico si differenzia da persona a persona.

I benefici dell'omeopatia.
L'omeopatia si basa sulle caratteristiche psico-fisiche del paziente ed ha pochissimi effetti collaterali. Generalmente viene utilizzata da chi è sfiduciato dalla medicina tradizione. Viene utilizzata per curare diverse malattie, tra cui: disturbi psichici, malattie della pelle, gastrointestinali, nutrizionale ecc.

Commenti

Nessun messaggio trovato

Nuovo messaggio