Bambini e smartphone: guida ad un utilizzo responsabile

26/09/2018
da Farmacia Basso


Ormai è impossibile negarlo, siamo circondati da apparecchi e strumenti tecnologici che condizionano ed influenzano la nostra vita quotidiana. In tutte le case ogni giorno vengono utilizzati tablet, smartphone e PC e anche i bambini, sin da piccoli, vivono circondati dalla tecnologia e imparano ben presto a usare i tablet e gli smartphone dei genitori, dei nonni e delle persone che frequentano regolarmente. Ma è giusto far utilizzare questo genere di apparecchi a dei bambini, a volte anche molto piccoli?

Non c’è una risposta del tutto corretta, poiché la cosa migliore è indicare e insegnare ai bambini quale sia il giusto comportamento e come utilizzare lo smartphone in maniera corretta.

Lo smartphone e i bambini

Secondo delle recenti ricerche svolte in America, è emerso che negli ultimi anni il tempo che i bambini trascorrono davanti ad uno smartphone o un tablet sia quantomeno triplicato, e lo stesso vale per i bambini europei.

I bambini, anche quelli di età inferiore ai 5 anni, trascorrono abitualmente circa 2 ore al giorno davanti allo smartphone e sono perfettamente in grado di usarlo per le loro esigenze, come ad esempio guardare video animati su YouTube o mandare messaggi vocali a nonni e parenti su WhatsApp.

Molto spesso sono proprio i genitori a lasciare che i bambini usino il loro smartphone per accontentarli o per tenerli occupati per un po’ di tempo. Alcuni studi hanno dimostrato che la cosa non è completamente sbagliata, purché non diventi un vizio e soprattutto se l’uso dello smartphone sia controllato e misurato.

L'uso corretto dello smartphone, infatti, può avere anche degli effetti positivi sui bambini in quanto stimola la loro curiosità e, attraverso delle app e dei giochi istruttivi, permette di imparare cose nuove.

Solitamente il primo smartphone personale arriva intorno ai 9 anni. I genitori si sentono più tranquilli a lasciare un telefono ai propri figli quando li accompagnano a scuola o se non sono con loro, per essere reperibili in caso di bisogno, ma allo stesso tempo sono preoccupati dell’uso errato che possono fare della tecnologia.

Per evitare tutto ciò quindi, bisognerebbe controllare l’uso che i propri figli fanno dello smartphone, impartire delle regole sull’utilizzo del telefono e farle rispettare. I genitori devono spiegare ai bambini che il telefono va usato solo in alcuni momenti precisi della giornata, ad esempio al massimo un’oretta nel tardo pomeriggio, dopo aver finito i compiti o comunque mai durante l’orario scolastico o subito prima di andare a letto.

Bisogna far comprendere al bambino che, sebbene può essere stimolante per loro vedere un video o fare un gioco anche istruttivo sul proprio smartphone, allo stesso modo è essenziale e importante trascorrere del tempo "reale" giocando con gli amici sotto casa o al parco.

Bisogna poi dare un limite quotidiano all’uso del cellulare e far in modo che il bambino si appassioni o si interessi anche ad altro.
Infine, è possibile poi controllare l’attività sullo smartphone attraverso delle applicazioni che permettono di limitare i giochi, le app e stabiliscono delle fasce orarie di uso. Bisogna insegnare al bambino un uso responsabile di internet: l’importanza di non pubblicare video e foto personali sul web ed essere il più chiari possibile sui rischi che si corrono navigando su internet.

Commenti

Nessun messaggio trovato

Nuovo messaggio